Crea sito

Resoconto annuo 2018

Altri post

Sei stato un anno parecchio tosto, caro il mio 2018.
Fino ai primi di marzo tutto regolare, con le solite magagne s’intende, poi l’exploit.
Mesi di immobilità fisica, inversamente proporzionale alla situazione mentale, dolore costante e frustrazione in abbondanza.
Niente mercatini primaverili, l’estate è trascorsa completamente dedicata a fisioterapie di vario genere, l’autunno s’è fatto un po’ pregare e con il freddo sono riesplose tutte le problematiche post frattura che speravo fossero ormai passate. Ho perso il lavoro, ma non la voglia di arrabbiarmi col mondo intero, in comode rate. Un pomeriggio ha nevicato e non mi sono precipitata alla finestra. L’atmosfera pre-natalizia è andata dispersa, non pervenuta.
Mi sono allarmata, poi mi è capitato di leggere qualche articolo e qualche post e mi sono rincuorata: ho riguardato indietro e ritorna sempre questo bisogno di chiudere baracca e tanti saluti a tutti per un po’. Non disturbare.
Mi metto in carica, la spia luminosa lampeggia, ci risentiamo l’anno prossimo.

Per le consuete curiosità annuali sull’andamento del blog, leggete più sotto.

***

Cos’è successo quest’anno?

I mesi spenti

Ho letto moltissimo in quest'ultimo mese, da libri con titoli come Anxiety for Beginners e The Discomfort Zone ad articoli su The Guardian nella...

Volare ooooh, rompersi un piede o-o-o-oh

Forse non era proprio doveroso scrivere un post dedicato esclusivamente a queste settimane trascorse con una gamba ingessata perché quel malandrino di un calcagno...

Scalcagnata

Dov'eravamo rimasti? Al 25 maggio, ai soliti quesiti esistenziali, ai giochini scacciapensieri, alle giungle sul terrazzo. Nel frattempo cos'è successo? Ho iniziato e finito il ciclo di...

Cercasi Natale

Ci sto mettendo tutto l'impegno possibile: pomeriggi di acquisti per regalini ad amici e parenti, giretti per fiere e mercatini, addobbi sparsi per casa,...

***

Com’è andato il blog quest’anno?

  • Ho postato meno e i visitatori sono diminuiti, dagli abituali 10.000 a poco più di 6.000
  • Il mese più attivo è stato novembre, il meno attivo giugno
  • La maggior parte dei lettori è arrivata dall’Italia, poi dagli Stati Uniti e dalla Germania, usando principalmente motori di ricerca, anche se ho notato un deciso aumento di lettori, seppur casuali, provenienti dalla pagina Facebook del blog
  • Il post più letto in assoluto è sempre lo stesso: Come scegliere tra wordpress.com e altervista.org, ormai una pietra miliare di questo blog se consideriamo che da quando l’ho pubblicato, nel settembre del 2011, è stato letto ad oggi da circa 8.500 persone
  • Il post più letto, tra quelli scritti quest’anno, è stato Neve. Intervallo., che è anche il mio preferito, seguito da Gennaio: la quiete e la tempesta e Un nuovo Porto Vecchio a Trieste?
  • I post più commentati sono stati Primi passi (2° edizione), Neve. Intervallo. e Gennaio: la quiete e la tempesta
  • Di ricerche buffe ne trovo sempre meno: come mai? Parecchia gente è finita qui sul blog cercando mercatini di Natale e come passare da wordpress.com ad altervista.org.

Vorrei proprio ringraziare chi segue con affetto quello che scrivo e condivido in questo spazio, in particolar modo le mie lettrici ed amiche di blog più affezionate: Bea, Laura, Camilla, Simo e Szandri.

Buona fine e buon inizio!

10 commenti

    • Decisamente le due cose di cui ho più bisogno 😀
      Ricambio l’augurio e l’abbraccio virtuale

  1. Ciao Ally !!
    Passo giusto giusto in tempo per farti gli auguri !
    Il 2018 è stato un anno tosto per almeno la metà delle persone che conosco e personalmente non vedo l’ora di mettermelo alle spalle.
    Ti auguro solo cose bellissime e una ripresa sprint in tutti i campi.
    Il tuo blog per me è irrinunciabile e sono contenta di averti incrociata in questo mare mosso che è il web.
    Un abbraccio grande grande

    • Mettiamocelo alle spalle questo 2018 e chiudiamo subito la porta!!!
      Ti faccio anch’io un augurio speciale per quest’anno che inizia oggi e grazie per la tua presenza qui ❤

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Post precedente:Cercasi Natale
Post successivo:Il privilegio del paradosso

Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Potrebbero interessartiNUOVI POST
altre storie da leggere

Pronti per il famigerato 2020?

Ultimo giorno dell'anno, ultima alba, ultimo tramonto. Il 2019, rispetto al suo predecessore, è stato ben più magnanimo: ad esempio, non mi sono fratturata nulla,...

Vuoi leggere altri post?
clicca qui per andare all'archivio