Crea sito
  • Home
  • Trieste
  • Pollice Verde
  • Mercatini
  • Archivio

Trieste in Fiore 2019: alla ricerca del cotogno giapponese

Condividi il post

Durante la settimana di Trieste in Fiore, oltre alle piante, da qualche edizione c’è sempre un’altra presenza fissa: la bora, ma dopo la disfatta dell’anno scorso in cui mi ero persa uno dei miei mercatini preferiti per colpa della frattura ero più che intenzionata a recuperare e far proseguire la tradizione delle abituali “vasche” in Viale XX Settembre qui a Trieste.
Sole o nuvolo, pioggia o grandine, i miei giretti sono riuscita a godermeli stavolta e ho fatto bene a concentrare le perlustrazioni nei primi giorni perché poi il tempo è peggiorato considerevolmente.
Ogni anno, più o meno in maniera consapevole, si prefissa una missione floreale: il 2019 è stato decretato l’anno del cotogno giapponese.
Ci sono due cespuglietti di cotogno rosa nel mio amatissimo Parco di San Giovanni e mi fanno un po’ pena perché sono proprio a ridosso del guard rail, a favore di… smog. Dopo un paio di tentativi di talee andati così così, la decisione è stata presa: cotogno giapponese sia, e per non farci mancare nulla adesso in terrazzo ce n’è uno rosa, uno bianco ed uno rosso. Posizionati vicini al melino in fiore sono un autentico spettacolo, di quelli che ti fanno venire gli occhi a cuoricino.

Vedi tutti i post su Trieste in Fiore

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.orgTrieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

Le rose sono state un po’ trascurate, ma solo per questa volta, e tra un mesetto ad Horti Tergestini chissà che succederà!

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.orgTrieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.orgTrieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

Anche la fissa per un colore si è rinnovata: dopo il periodo rosa e quello rosso, è stata la volta del giallo, con gelsomino invernale e forsizia in primo piano… la mimosa meno, ma solo per colpa dell’allergia.

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

Ha senso comprare fiori finti ad un mercatino vivaistico? Sì, se sono delle girandole di legno super carine: qua a Trieste con la bora danno un sacco di soddisfazione, basta ancorarle per benino!

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.orgTrieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

La difficoltà principale quando mi aggiro per questi mercatini è ricordarsi di avere una parte razionale… e spazio non illimitato sul terrazzo, per cui no, non si può proprio comprare in blocco tutto lo stand degli anemoni. Peccato però!

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.orgTrieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

La mia passione un po’ trascurata per cactusini e succulente si è un po’ risvegliata ultimamente e sto cercando di procurarmi delle specie particolari di echeveria laui e greenovia dodrentalis: per ora non sono riuscita a trovarle, ma non desisto.

Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org Trieste in Fiore 2019 © leeliah99.altervista.org

Dopo un anno di astinenza posso dire con soddisfazione di aver recuperato: a marzo mi ero appena infortunata, stavo a frignare sul divano con una gamba in gesso e quindi niente Trieste in Fiore. Stavolta, per approfittarne il più possibile, ho stabilito doppi turni: primo giro esplorativo per fare un mucchio di fotine, secondo giro dedicato agli acquisti (menzione d’onore a mia mamma che si è sbolognata i cotogni coi loro rametti punzuti sull’autobus), terzo giro in incognito trascinando “casualmente” in Viale un’ignara ex collega per un aperitivo e -non paga- altro giro con altri amici e simpatizzanti, sempre “casualmente” in Viale. L’ultimo giro previsto con l’amico allevatore ormai impenitente di peperoncini piccantissimi è saltato per il maltempo.
Comunque, io allestirei un Viale in Fiore stagionale: una settimana all’anno non basta!

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Post popolari

La motivazione spalanca le porte

Siamo ormai quasi alla fine della prima settimana ufficiale post-festività dopo l'Epifania e qualche giorno fa ho indugiato -forse poco saggiamente- a spulciare vecchie cartelle di...

Potrebbero interessartiNUOVI POST
altre storie da leggere

Sopravvissuta a Ferragosto

Anche questo Ferragosto è andato. Ciao ciao. Dopo dieci giorni di reclusione, il borino ed un tasso di umidità finalmente inferiore al 50% mi hanno...

Vento d’estate

Le previsioni meteo dei prossimi giorni sono piuttosto laconiche e ridondanti: Cielo sereno o velato e molto caldo. Cielo da sereno a poco nuvoloso per velature...