Crea sito
  • Home
  • Trieste
  • Archivio

Il pontone Ursus si affianca al molo Audace per “Mare Nordest”

Condividi il post

Che abbiate seguito o meno una delle fiction italiane più di successo degli ultimi tempi, La Porta Rossa, forse saprete che l’Ursus è uno dei simboli della città di Trieste e del suo mare. Questo pontone dotato di gru, costruito qui nel 1914, ha tutte le carte in regole per diventare un’attrazione turistica e molto di più: che panorama si gode da lassù, a 80 metri di altezza? Solo Cagliostro lo sa per adesso (e gli addetti ai lavori).

Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org

Intanto ieri l’Ursus ha “traslocato” temporaneamente a fianco del molo Audace in occasione di Mare Nordest – Il Mare ti ascolta, il Mare ti parla, un appuntamento di 3 giorni, da venerdì a domenica, in cui il protagonista assoluto sarà proprio il mare: tuffi da grandi altezze con campioni di livello internazionale, gare di canottaggio e di fotografia subacquea, esibizioni con moto d’acqua e di nuoto sincronizzato, attività di pulizia del fondale marino, ma anche incontri di divulgazione, conferenze e convegni. È stata anche allestita sulle rive di fronte a Piazza Unità d’Italia una serie di gazebo dedicati alla nautica e all’economia legata al mare.
Non resta che sperare in un errore clamoroso delle previsioni del tempo, al momento non esattamente ideali per gli eventi in programma.

Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.orgTrieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org Trieste: Ursus © leeliah99.altervista.org

Giovedì pomeriggio per fortuna il tempo ha concesso una momentanea tregua, regalando una giornata ventosa e soleggiata: l’ideale per una passeggiata in riva al mare, sul molo Audace in particolare, soprattutto se c’è un ospite speciale. Visuale inedita per triestini e turisti che si sono affrettati a tirar fuori cellulari, tablet e macchine fotografiche per scattare decine di foto all’Ursus mentre veniva “posteggiato” più o meno di fronte a Piazza Unità d’Italia. Così da vicino non l’avevo mai visto, neanche durante le mie esplorazioni in Porto Vecchio: noi triestini siamo abituati ormai a vederlo sbucare dagli incroci di certe strade che portano verso il mare o dalle finestre di qualche palazzo prestigioso, ma averlo proprio davanti agli occhi, a pochi metri, è stato emozionante. La cornice tutta attorno poi è uno spettacolo già di per sé, e quando ci sono quei nuvoloni bianco/grigi enormi che si stagliano su un cielo blu intenso io sono felice.
Ho cercato di scorgere l’inconfondibile profilo dell’Ursus da vari punti anche più tardi, proseguendo nella passeggiata sulle rive, fin da Eataly, grazie alle sue generose vetrate sul mare.
Ed un pensierino finale va anche, immancabilmente, alla terza stagione de La Porta Rossa in arrivo: l’Ursus sarà ancora tra i protagonisti della fiction?

Per conoscere il programma completo c’è il sito ufficiale della manifestazione: https://www.marenordest.it/

2 commenti

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Post popolari

Come scegliere tra wordpress.com e altervista.org

* Ultimo aggiornamento: aprile 2016 * Ho iniziato a scrivere in un blog pubblico nel 2005, su una piattaforma non molto conosciuta in Italia come Bravenet....

La motivazione spalanca le porte

Siamo ormai quasi alla fine della prima settimana ufficiale post-festività dopo l'Epifania e qualche giorno fa ho indugiato -forse poco saggiamente- a spulciare vecchie cartelle di...

Rose e cinorrodi: storie dal Parco di San Giovanni

È stata una stagione difficile questa per le rose sul terrazzo, ma qualche giorno fa un bocciolo della bellissima rosa Lady Emma Hamilton si...

Compleanno in orto

Già, magari festeggiare il compleanno in orto non è poi così usuale, motivo in più a parer mio per apprezzare la scelta alternativa allo...

Viale in Fiore

In concomitanza con l'arrivo della mia puntualissima allergia stagionale è tornato a far diventare il Viale XX Settembre un tripudio di colori e profumi...

Post più recenti

Avanti il prossimo!

Le giornate no capitano purtroppo, anche quando avevi dei bei progettini per il sabato e la domenica. C'era il BioEst al Parco di San Giovanni...

Stomp in piazza e arpe in roseto: due belle parentesi musicali

Dubbi sul fatto che la musica sia terapeutica non ce ne sono, lo diamo per assodato. Che il mondo pulluli di gente arrabbiata e...

Il pontone Ursus si affianca al molo Audace per “Mare Nordest”

Che abbiate seguito o meno una delle fiction italiane più di successo degli ultimi tempi, La Porta Rossa, forse saprete che l'Ursus è uno...

Visita al Museo Sartorio: rose profumate, dettagli incantevoli e vista mozzafiato

L'inverno si sta impossessando dei poveri mesi primaverili: è stato difficile trovare il momento giusto per visitare questo museo, tra giornate di tempo orrendo,...

Il pavone come fa?

Un'occhiata alle previsioni meteo proprio non riesco ad evitarla e forse è un bene perché, nonostante alcuni falsi allarmi, preferisco uscire per tempo e...

Mercato Europeo senza confini nelle vie di Trieste

Europa in Piazza, Piazza Europa, Mercato Europeo: ancora non mi è chiaro come si chiami questo mercatino, ma non è fondamentale per poterci andare....

Ritorno agli Horti Tergestini

Che sia un'impressione o meno, a me pare che ogni anno gli Horti Tergestini siano più luminosi ed interessanti ed irresistibili che mai. O...

Al Porto Vecchio di Trieste in compagnia di Leonardo Da Vinci

Camminare tra binari arrugginiti e magazzini in disuso, osservando come la forza della natura si riappropri immediatamente di ogni spazio abbandonato dalla mano dell'uomo e,...