Crea sito
Home | Archivio | Svago | Pollice verde | Squame di drago e foglie di menta
Pollice verde Trieste Vita vissuta

Squame di drago e foglie di menta

Il vivaio a San Giovanni © leeliah99.altervista.org

Non credevo fosse così difficile riuscire a procurarsi delle foglie di menta in una città civilizzata, neanche fossi stata in cerca di pozioni magiche a base di squame di drago o chissà quali polverine proibite.
In conclusione mi sono rimaste due sole opzioni: andare dal vivaio vicino casa e comprarmi una piantina o rifornirmi dalla mia “spacciatrice” ufficiale dotata di bellissimo ed efficientissimo orticello. Che poi, vorrei solo farmi una semplicissima limonata per dare una botta di vitamina C al mio sistema immunitario scalcagnato.

Il vivaio a San Giovanni © leeliah99.altervista.org
Il vivaio a San Giovanni
Il vivaio a San Giovanni © leeliah99.altervista.org
Il vivaio a San Giovanni: piantine di Veronica
Il vivaio a San Giovanni © leeliah99.altervista.org
Il vivaio a San Giovanni: Wacko suppongo sia a custodia della serra (e non ce l’ho messo io, come qualcuno ha malignato!)

Ultimamente mi sento un po’ tipo Alice nel Paese delle Meraviglie alla prese col Ciciarampa (che a discapito del nome coccoloso incute un certo timore quando si palesa) e va da sé che non è una sensazione invidiabile. Il “mostro” più imminente da sconfiggere si chiama Agosto, mese in cui non solo tutti vanno in vacanza tranne me, ma in più ritornano a sibilarti nell’orecchio subdole e malvagie vocine portatrici insane di ansia e malumore.

Sta succedendo tutta una serie di cose che credo siano concatenate ma che non riesco a mettere insieme seguendo un filo logico, in più stanno venendo a galla scomode e dolorose verità familiari che pur puzzando di stantìo riescono ancora a far stringere il cuore in un misto di incredulità e indignazione. Vorrei ardentemente, per una volta, sapere dove sto e se sto sbagliando ancora o se ho sterzato nella direzione giusta. Atroce pensare che quando lo saprò sarà tardi per cambiare rotta. L’unica consolazione è quella di sapere di aver agito secondo coscienza, senza mancare di rispetto a nessuno ma senza crogiolarmi in falsi buonismi e discorsi di circostanza fini a se stessi. Magari avrò combinato disastri diplomatici di portata storica, ma almeno non ho fatto il doppio gioco né ho pugnalato qualcuno a tradimento. E a me non sembra una cosa da poco.

Cosa è successo prima:
Ombrellone © leeliah99.altervista.org

Arrovellamenti estivi

Cosa è successo dopo:
Begonia corallina (Tamaya) © leeliah99.altervista.org

Se fosse la mia vera vocazione?

2 commenti

  • buongiorno. Non distrarti, concentrati sugli eventi concatenati, scrivili, schematizzali, collegali… il filo logico di questi eventi è uno dei migliori rimedi per l’anima che esistano, per la gioia che ti regalano nel momento che ti si manifesta luminosamente chiaro. E’ un esercizio che tutti dovrebbero fare perchè a tutti capita, e tu hai avuto la fortuna di averli intuiti.

    • Sfrutterò al meglio la mia parte razionale per venire fuori da questo groviglio.
      Grazie del passaggio!

Clicca qui per commentare

Tu che ne pensi?