L’autunno, quando torna, è un anno che lo si aspetta: chi con malinconia perché segna la fine dell’estate, chi con sollievo… perché segna la fine dell’estate. ^_^
Io appartengo alla seconda categoria.
L’autunno non è solo aria frescolina, sole tiepido non più cocente, passeggiate tra gli alberi sotto un turbinio di foglie gialle e rosse, il ritorno della zucca e della voglia di minestroni caldi a cena, di sciarpone avvolgenti in cui avvilupparsi e di tisane fumanti allo zenzero; l’autunno è anche le giornate che si accorciano, le rose che sfioriscono, gli impegni che si accavallano, i malanni di stagione.
A me sta bene tutto, purché autunno sia! 🍁

Nonostante i sopracitati malanni di stagione, ero impaziente di godermi un primo assaggio di atmosfera autunnale e -diciamo un po’ influenzata da alcune foto viste in rete- ho scelto come prima destinazione il Parco di Villa Revoltella, qui a Trieste.
Una volta entrati nel parco si fa notare subito la Chiesa di San Pasquale Baylon, davanti alla quale c’è una piccola fontana con i pesci che attrae sempre i più piccoli, poi si prosegue verso la serra e infine giù per il giardino inglese in direzione della villa.

Per approfondire: Gigli giganti e funghetti magici

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

La mia meta era la passeggiata nella parte bassa del parco, sopra lo spazio giochi, perché l’occhio attento ed allenato aveva captato l’inconfondibile sfumatura rossa, e la Canon sembrava impaziente quanto me. A parte alcuni compagni fotografi irresistibilmente attratti da colori e geometrie, c’erano pochissime altre persone, per lo più impegnate con la rispettiva prole tra altalene, scivoli e giostrine varie.

Mi è capitato di leggere di recente lo sfogo di una blogger, disperata per l’arrivo dell’autunno, che invita tutti quelli che invece lo aspettano entusiasti (iniziando già da settembre a condividere foto di zucche, foglie cadute, coperte morbidose e tazze di caffè bollente davanti ai caminetti) di contenersi, per rispetto di chi sta ancora piangendo l’estate appena finita. Avviso quindi chi non ama l’autunno di abbandonare all’istante questa pagina, perché ora inizia la mia personale glorificazione della stagione migliore dell’anno.
Quanto sono magnanima! 😁

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

C’è un limite massimo al numero di foto di foglie rosse che si può postare in una volta sola? Non lo so, forse l’ho superato, ma ammirare questi colori in una giornata di sole è uno dei piaceri della vita, altro che #maiunagioia!
Ero tentata di raccoglierne qualche dozzina in previsione di mille progettini fai da te da scopiazzare volenterosa da Pinterest, ma poi mi sono ricordata di un trascurabilissimo dettaglio, ovvero la mia innata propensione a creare delle ciofeche terrificanti lontane mille galassie dai progetti originali. Hanno vinto il pudore e la vergogna stavolta… magari mi cimenterò con la zucca (sì, certo, intagliare le zucche è sicuramente facilissimo!).

Visto che la giostra che mi ha tenuto compagnia nella mia infanzia/adolescenza (manca “adultitudine” solo perché si è rotta, temo per il troppo uso) è tuttora pericolante, non ho potuto farci un giro, anche se in realtà non l’avrei fatto comunque perché -per motivi ancora imperscrutabili- quel pomeriggio mi avevano preso delle vertigini davvero poco apprezzate. Sprezzante della qualsiasi che mi faceva giro-giro-tondo al minimo movimento, ho sfidato i dolori cervicali per fotografare quelle deliziose foglioline che danzavano al frenetico ritmo della bora (in un post sull’autunno non si possono non citare le foglie danzanti, è un must!).

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Salutata con una manina ed un pizzico di nostalgia la mia amata giostrona stortignaccola (immortalando al volo le ultime foglioline rosse tanto carucce che non gli si può dir di no), ho guardato riconoscente il mare di Trieste e son tornata a casa a compiere un altro dei tipici riti autunnali: la tisana calda.
Così si fa! ☕

Autunno al Parco di Villa Revoltella a Trieste © leeliah99.altervista.org

Il giorno successivo, le vertigini erano passate -alleluia alleluia- quindi ho colto al volo l’opportunità di andare al Parco di Miramare per dare il benvenuto alla coppia di cigni reali che ha finalmente reso di nuovo il laghetto dei cigni degno del suo nome.
Già che c’ero, un’altra fotina di foglioline rosse m’è scappata.

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Non me lo ricordavo proprio il lago, ma ho un vago ricordo di una me bambina stupita da questi animali così eleganti e buffi allo stesso tempo: osservavo sempre con grande attenzione il movimento delle zampe appena sotto il pelo dell’acqua e rimanevo lì incantata a guardarli nuotare. Stavolta ho apprezzato di più i grandi movimenti delle ali, che ovviamente non sono riuscita ad immortalare perché proprio nel momento in cui Mira (o era Mar? Boh) ha deciso di lanciarsi nel suo show, io avevo deciso di fotografare la casetta svizzera dall’altra parte del laghetto. Tempismo eccellente.

Salutati i cigni, augurando loro buona salute e tanti anatroccolini, sono tornata sui miei passi verso il Castello di Miramare (promessa mantenuta, mi dico brava da sola). Anche qui, qualche fogliolina rossa a ricordarci che “Ehi, siamo in autunno!” e un mare blu blu blu a ricordarci che siamo in una città stupenda.

Per approfondire: Caro Castello di Miramare, finalmente ci si rivede

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno al Parco di Miramare a Trieste © leeliah99.altervista.org

Autunno, prenditela pure comoda e dura quanto ti pare, basta che per Natale lasci uno spazietto alla neve, mi raccomando, che l’anno scorso mi è andata di nuovo buca.

Cosa è successo prima:

Barcolana 48: barche, treni storici e tramonti mozzafiato

Cosa è successo dopo:
Parco San Giovanni a novembre © leeliah99.altervista.org

Fermati, respira, riparti

_______

Questo post è stato letto 197 volte.
Puoi seguire il blog su Twitter e su Facebook.

8 Commenti

  1. I cigni!!! Quanto mi piacciono!!! Li adoro da quando sono piccola <3
    Ammetto che sono una di quelle che si dispera parecchio quando arriva l'autunno, l'ora solare, il freddo, la nebbia e tutto il resto, ma guardare le tue foto mi fa pensare che tutto sommato non è poi così male. ;)

    • In passato nemmeno io amavo tanto l’autunno, un po’ per le giornate più corte, un po’ (tanto) perché finivano le vacanze e ricominciava la scuola. Ora però vedo soprattutto i lati positivi e mi fa piacere se riesco a fartelo stare un pochino più simpatico. ;)

    • Non mi stancherò mai di consigliare un viaggio a Trieste: è una città splendida, con tantissimo da offrire sotto ogni punto di vista.
      Viva l’autunno!

  2. Ovviamente non mi stancherò mai di quelle foglie rosse essendo anche io un’amante dell’autunno, ma soprattutto non mi stancherò di guardare e riguardare le foto di questo tuo post, dove secondo me hai superato te stessa. Sono davvero bellissime ! Mi sono riletta anche quello che avevi scritto sulla tua macchina fotografica e devo dire che hai realmente trovato la tua anima gemella perchè insieme riuscite a creare immagini che non si dimenticano.
    Buon autunno !

Tu che ne pensi?