Crea sito

Vien la neve lieve lieve con la bora a 100 all’ora

Altri post

Il cosiddetto Bianco Natal rischiava di dovere il suo candore alla nebbia, più che alla desiderata e decisamente più caratteristica neve, e qui a Trieste non è così usuale che nevichi nemmeno quando sarebbe carino che accadesse, per cui, nonostante il meteo prevedesse qualche allegro fiocchetto, eravamo tutti più che scettici, aspettando invece -con la classica rassegnazione di passare una notte insonne per via degli ululati nelle grondaie- la bora.

Dopo suddetta notte burrascosa a rigirarsi nel letto, al momento del risveglio non c’era alcuna speranza nel cuore di vedere un paesaggio innevato dalla finestra, quindi la sorpresa è stata ancora più grande quando, riavvolte le tapparelle, i tetti e i giardini delle case di fronte sono apparsi tutti imbiancati.
Sono corsa alla porta che dà sul terrazzo e la gioia bambinesca è stata un po’ accantonata da una preoccupazione più adultica: e le piantine? Erano in sicurezza per la bora, ma non per la pioggia mista a nevischio che era in pratica uno strato di ghiaccio sopra la terra e le foglie.

La prima neve del 2016 © leeliah99.altervista.org
Le foglie dei ciclamini “belle fresche”
(grazie a boisderose per la foto)

La prima neve del 2016 © leeliah99.altervista.org
I ciclamini e la camelia sotto la neve
(grazie a boisderose per la foto)

La prima neve del 2016 © leeliah99.altervista.org
L’elleboro, detto anche rosa di Natale, si gode il freschino
(grazie a boisderose per la foto)

Per ribadire il concetto di meteo burlone, una volta finita la colazione rigorosamente a base di Pandoro (niente Panettone per me, sennò vado in modalità escavatrice per rimuovere ogni minima traccia di uvetta e canditi… orrore!), dopo poche ore è spuntato il sole e mentre inveivo ululando per casa, destando non pochi sospetti nei presenti, implorando che ci fosse un’altra nevicata diurna in modo da potermela godere, quella truffaldina si è crogiolata per bene al calduccio e si è sciolta, lasciando la solita piacevolissima fanghiglia grigio-marroncina a ridosso dei marciapiedi. Accattivante! 😕
Non mi è rimasto altro che ammirare sospirando le foto su Instagram di chi -fortunello- si era rifugiato tra i monti, spargendo generosamente cuorini e commentini di meraviglia e stupore davanti a quelle immagini quasi fiabesche. Per compensare la mancanza totale di possibilità che nevichi di nuovo, ho iniziato a seguire una discreta quantità di utenti finnici, norvegesi ed islandesi, tanto per poter esclamare con fare altisonante ogni minuto ecco, così, perchéééé non può esserci tanta neve alta e soffice anche da noi, perchéééé???

Le previsioni ci condannano inclementi ad una settimana di nebbia e pioggia, senza nessuno spiraglio di luce concesso, e io vorrei formalmente inoltrare una richiesta di letargo da qui a primavera. Si può?

7 commenti

    • Mi sembra un’ottima idea! Ho ricontrollato le previsioni e c’è speranza per domenica prossima.

  1. Alla fine è arrivata sta benedetta neve che aspettavi tanto 😉
    Questo tempo a me fa venire solo voglia di poltrire a letto o accoccolarmi sul divano sotto il piumone a leggere o guardare film, invece tocca vestirsi e uscire a schivare ombrelli e malumori, blaeh!!! 🙁

    • Arrivata, ma scappata subito! :'( Nelle giornate di nebbia e pioggia che ci hanno deliziato ultimamente ho combinato poco niente, per fortuna oggi è riapparso il sole e mi sono potuta concedere una bella camminata. Dovesse tornare il freschino accompagnato da una copiosa nevicata, non mi offenderei. 😛

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Potrebbero interessartiNUOVI POST
altre storie da leggere

Pronti per il famigerato 2020?

Ultimo giorno dell'anno, ultima alba, ultimo tramonto. Il 2019, rispetto al suo predecessore, è stato ben più magnanimo: ad esempio, non mi sono fratturata nulla,...

Vuoi leggere altri post?
clicca qui per andare all'archivio