Crea sito
  • Home
  • Vita Vissuta
  • Archivio

Conta nuvole dispari

Condividi il post

Più o meno a quest’ora sabato scorso venivo dimessa con riluttanza dal pronto soccorso dove l’ambulanza mi aveva portato circa cinque ore prima. Motivo? Ognuno dice la sua. Se volete sentire la mia, direi solo che è stato orribile.

Una catartica settimana dopo, i segni blu-verdognoli su entrambe le braccia (ci sono voluti quattro infermieri per riuscire ad infilarmi la flebo!), l’emicrania ed il costante mal di stomaco si premurano di fungere da promemoria dell’esperienza che mi ha visto protagonista di una delle mie maggiori paure. Immagino non sia così incondivisibile la resistenza a voler interagire con un ospedale, ma la mia è decisamente una fobia patologica. Se le mie condizioni non fossero state così sfavorevoli alle mie intenzioni, sarei fuggita non appena la prima infermiera mi ha colpevolizzato per via dei tremori dicendomi che se saltavo sulla barella come in preda alle convulsioni voleva dire che sbagliavo a respirare. Bella mia, intanto ti informo che non vincerai mai il premio per infermiera più compassionevole, dopodiché ti auguro di non provare mai sulla tua pelle quello che ho passato io quel giorno, senza neanche sapere cosa esattamente stava succedendo, e non ricevendo – oltre alla minima assistenza per le prime due ore- nemmeno la più remota rassicurazione.

Permane però l’intento di non sbrodolarmi in pietistiche commiserazioni, dando maggior importanza alle cosine piacevoli che mi hanno supportato mentre contavo le nuvole dal divano, come il libro che ho finito di leggere –The Secret Garden– e che ho deciso di comprarmi in un’edizione tradotta in italiano con delle illustrazioni bellissime perché contiene un messaggio importante che risuona molto con il mio modo di affrontare queste difficoltà, ovvero continuare a concentrarsi sulla vita, il sole e le possibilità, piuttosto che sulla morte, la malattia ed i limiti.
Non voglio permettere a me stessa di rimanere bloccata nel tempo, a rivivere frammenti d’istanti trascorsi, immaginando viaggi nel passato, quando la mente sembra non conoscere limiti se non quelli dei ricordi.
Per tutto il resto… ci pensano i Linkin Park! 😉

Night gets darkest right before dawn
what don’t kill you makes you more strong
and I’ve been waiting for it so long

Soffioni sui binari del treno © leeliah99.altervista.org

10 commenti

  1. Passerà anche questa, sii forte, com’era il titolo di quel libro che ti piaceva… “un giorno questo dolore ti sarà utile”.
    Vedrai che la soluzione arriverà, magari è proprio dietro l’angolo, o almeno te lo auguro!!! 😉

    • E a proposito di libri, ti faccio leggere un passaggio di quello citato in questo post, che calza proprio a pennello:

      Cose ancor più sorprendenti possono capitare a chi, quando dei pensieri sgradevoli e scoraggianti gli entrano in testa, se ne accorge in tempo e li respinge sostituendoli con altri gradevoli e incoraggianti. Due cose non possono stare nello stesso spazio.
      Se pianti una rosa, ragazzo mio, non può nascere ortica.

    • Gira che ti rigira prima o poi girerà per il verso giusto!
      A domani, nel “nostro” giardino segreto. 🙂

    • Dai che forse oggi viene anche il sole a fare il corso di aggiornamento con noi! 🙂 Voglio capire bene cos’è quell’albero con i fruttini che assomigliano a fichetti.

  2. La storia del giardino segreto continua ad affascinarmi, malgrado io non sia più una bimba 🙂 . Sarà che ognuno di noi avverte il bisogno di coltivare il proprio spazio più intimo, il proprio giardino protetto? Spero tua stia meglio adesso! Ti abbraccio!

    • Certi messaggi arrivano in un momento preciso: quando avevi bisogno di riceverli!
      C’è da prendersi cura di questo giardino, con pazienza e dedizione, per poi godere dei fiori e dei frutti quando arriva la bella stagione. Ci stiamo lavorando. 😉
      Grazie!

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Post popolari

Come scegliere tra wordpress.com e altervista.org

* Ultimo aggiornamento: aprile 2016 * Ho iniziato a scrivere in un blog pubblico nel 2005, su una piattaforma non molto conosciuta in Italia come Bravenet....

La motivazione spalanca le porte

Siamo ormai quasi alla fine della prima settimana ufficiale post-festività dopo l'Epifania e qualche giorno fa ho indugiato -forse poco saggiamente- a spulciare vecchie cartelle di...

Rose e cinorrodi: storie dal Parco di San Giovanni

È stata una stagione difficile questa per le rose sul terrazzo, ma qualche giorno fa un bocciolo della bellissima rosa Lady Emma Hamilton si...

Compleanno in orto

Già, magari festeggiare il compleanno in orto non è poi così usuale, motivo in più a parer mio per apprezzare la scelta alternativa allo...

Viale in Fiore

In concomitanza con l'arrivo della mia puntualissima allergia stagionale è tornato a far diventare il Viale XX Settembre un tripudio di colori e profumi...

Post più recenti

Avanti il prossimo!

Le giornate no capitano purtroppo, anche quando avevi dei bei progettini per il sabato e la domenica. C'era il BioEst al Parco di San Giovanni...

Stomp in piazza e arpe in roseto: due belle parentesi musicali

Dubbi sul fatto che la musica sia terapeutica non ce ne sono, lo diamo per assodato. Che il mondo pulluli di gente arrabbiata e...

Il pontone Ursus si affianca al molo Audace per “Mare Nordest”

Che abbiate seguito o meno una delle fiction italiane più di successo degli ultimi tempi, La Porta Rossa, forse saprete che l'Ursus è uno...

Visita al Museo Sartorio: rose profumate, dettagli incantevoli e vista mozzafiato

L'inverno si sta impossessando dei poveri mesi primaverili: è stato difficile trovare il momento giusto per visitare questo museo, tra giornate di tempo orrendo,...

Il pavone come fa?

Un'occhiata alle previsioni meteo proprio non riesco ad evitarla e forse è un bene perché, nonostante alcuni falsi allarmi, preferisco uscire per tempo e...

Mercato Europeo senza confini nelle vie di Trieste

Europa in Piazza, Piazza Europa, Mercato Europeo: ancora non mi è chiaro come si chiami questo mercatino, ma non è fondamentale per poterci andare....

Ritorno agli Horti Tergestini

Che sia un'impressione o meno, a me pare che ogni anno gli Horti Tergestini siano più luminosi ed interessanti ed irresistibili che mai. O...

Al Porto Vecchio di Trieste in compagnia di Leonardo Da Vinci

Camminare tra binari arrugginiti e magazzini in disuso, osservando come la forza della natura si riappropri immediatamente di ogni spazio abbandonato dalla mano dell'uomo e,...