Mai come questa volta, l’appuntamento annuale con Viale in Fiore -ribattezzato alla sua 13esima edizione Trieste in Fiore– è stato atteso e desiderato.
Quando è comparso il camion-locandina sul percorso per andare al lavoro, l’anticipazione si è fatta ancora più incalzante e non mancava di spuntarmi un sorrisino impaziente ogni mattina, appena lo adocchiavo mentre camminavo assonatamente.

Trieste In Fiore 2015 © boisderose
Trieste In Fiore 2015 © boisderose

Il Viale XX Settembre ha scenograficamente accolto il mercatino nella nuova cornice fornita da aceri e bagolari, da poco trapiantati al posto dei vecchi platani e ippocastani malati. Dal 18 al 25 marzo, più di cinquanta espositori provenienti da varie regioni d’Italia espongono le loro specialità e forniscono consigli su come prendersi cura dei nuovi acquisti. Partendo dalle erbe aromatiche, passando per le piante grasse, quelle esotiche, poi gli agrumi, le camelie e i rododendri, i bulbi olandesi, i ranuncoli, i tulipani, le ortensie, le immancabili rose inglesi, gli ulivi e gli alberi da frutto… ce n’è sicuramente per tutti i gusti, e per tutte le tasche. Non mancano inoltre stand con prodotti artigianali e attrezzature da giardino.

Anche quest’anno il primo giro è stato semi-perlustrativo, perché di solito si guarda, si valuta (si fa spazio sul terrazzo) e poi si compra, mentre giovedì non ho resistito alla vista dei bulbi di allium, le famose pallette viola di cui scoprii l’esistenza nel maggio 2013, notizia che venne prontamente condivisa col mondo intero su Twitter (e di cui non fregò niente a nessuno, aha!). Il folletto invece ha comprato bulbi di muscari e bucaneve a manate, nel senso che la volenterosa addetta allo stand li schiaffava dentro ai sacchetti di carta con apprezzabile generosità… decina più, decina meno.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
A vederle sembrano teste d’aglio, ma posso assicurare che non puzzano!

Con la mia piccola Nikon ho zampettato curiosa tra i gazebo, felice di essere esonerata dall’allergia stagionale e alla ricerca sia delle mie piantine predilette sia di nuove entusiasmanti scoperte.
Nonostante la totale devozione nei confronti dei cactus si sia definitivamente spenta in seguito alla prematura dipartita della mia ultima pianta grassa, persevero con scarso trasporto a fotografarli, così… tanto per.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Cactus

I tulipani invece vanno immortalati obbligatoriamente e con convinzione, in quanto fiori molto fighi, tremendamente eleganti e che danno subito quell’effetto chic tanto caro alle utenti più accanite di Pinterest.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Tulipani

Qualcuno ricorderà tra le mie tante trascurabili manie quella sui fiori rosa, di cui puntualmente ignoro il nome o, se per puro caso lo vengo a sapere, altrettanto prontamente lo dimentico. Attualmente la mania si è evoluta ad uno stadio più avanzato, tramutandosi in mania per i fiori rossi. Stavolta però posso lasciare tutti attoniti perché ne so 2 su 3: i primi nelle foto qui sotto sono qualcosa giapponese, i secondi sono gerbere e i terzi camelie. Tiè!

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Fiori rossi

Mi sono eroicamente trattenuta dal far man bassa di erbe aromatiche, viste le dimensioni ridotte dello spazio dedicato all’orto sul terrazzo, attualmente quasi del tutto occupato dai semini estratti dai cinorrodi delle rose del Parco di San Giovanni (e sulle cui vicende vi aggiornerò a breve, promesso).

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Ammetto che la menta fruttata mi ha seriamente indotta in tentazione
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Questa la so: Bougainvillea
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
I saponi provenzali, quelli del Mercatino di Natale Francese
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Annafiatoio vintage, molto “English countryside”
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Piantina di mirto, con adorabile cartellino annesso
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Queste sono calendule, e lo sapevo anche prima di leggere il cartellino
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Tentativo di inquadratura artistica e ricercata
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Quanti tipi di dalie esistono? Apparentemente un bel po’
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Qualsiasi tipo di fiore assomigli ad una margherita è benvoluto
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Toh, ma guarda, altri fiori rosa di cui ignoro tranquillamente il nome

Quando si arriva allo stand delle rose si fa immancabilmente una lunga sosta: si estrae la borraccia dallo zaino, si consulta il dettagliatissimo schema che viene aggiornato durante tutto il corso dell’anno e si ammira la signora scozzese che le vende. È qui che il folletto dà sfoggio delle sue ammirevoli competenze, nonché della sua innegabile capacità di scegliere con cognizione di causa le rose di cui si prenderà amorevolmente cura e che non mancheranno di ricambiarla con un tripudio di fiori profumatissimi (e fotografatissimi).
Se siete amanti delle rose, antiche ed inglesi, non potete perdere il suo album dedicato su flickr.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
La rosa viola vince su tutte. OGNI.SINGOLO.ANNO.

Il giorno successivo abbiamo organizzato una seconda “gita”: Liny e la nostra amica Kory mi hanno fatto compagnia mentre molto innocentemente lanciavo messaggi subliminali ad entrambe, con l’intento di non farle tornare a casa a mani vuote.
Si comincia aspettandosi quei 10 minuti ai lati opposti della fontana all’inizio del Viale, ma poi ingraniamo il turbo e partiamo decise per la spedizione.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Il fontanone

Stabiliamo dal primo istante di non parlare di lavoro, per mantenere alto lo spirito: spiamo i bonsai, scoprendo che Liny ne desidera uno da quand’era piccina, e mentre cerchiamo di stabilire una palette di colori per il terrazzone di Kory spunta una faccia conosciuta in mezzo alle primule, seguita da un secondo faccino furbetto. Riunita la famiglia di Kory, si discute amabilmente di ranuncoli e gelati al pistacchio, mentre io continuo la mia instancabile tattica di sfiancamento con Liny: “dai, prendi un ranuncolino”, “guarda che carini quei fiorellini tutti sbilenchi”, “dimmi se questo pompelmo gigante non è un amore!”, e così via.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Esistono anche molteplici fiori di altri colori di cui dimentico immediatamente il nome dopo averlo letto

Nel frattempo Kory si è presa benissimo e sembra molto determinata. Avendo optato per una palette giallo/arancio, puntiamo le calendule, e non si lascia nulla al caso, consultando fior fiori di esperti online per consigli e suggerimenti. Non siamo mica delle novelline, noi!

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
“Ma quanto sarà resistente alla bora ‘sta calendula???”

In mezzo alle piante da frutto Liny finalmente cede: dopo un timido iniziale tentennamento decide che una piantina di fragola andrà a dimorare sul suo balcone e io mi offro ben volentieri di aiutarla nella scelta, avvalendomi della consulenza di Kory. Siccome sono molto convincente, alla fine le piantine diventano due. Ora attendiamo l’invito sotto le fresche frasche a sorseggiare margarita e a ingozzarci di macedonia, vero Liny?

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Ecco le fragoline comprate molto spontaneamente da Liny

Decido, in attesa di condurre all’acquisto anche Kory, di dare il buon esempio: giovedì avevo messo gli occhi su dei cespuglietti sgarrupati e pelosetti di… foglie, perché di fiori manco l’ombra, e avevo già deciso che sarebbe stato il mio secondo investimento. Trattasi di lupino, e non di marijuana come qualcuno ha sospettato.
Momento degno di nota: io che cerco di ricordare quale fosse lo stand che li vendeva e Liny che lo indica orgogliosa avendo riconosciuto la pianta dalla foto che avevo messo su flickr: mica scelgo le amiche a casaccio, io!
L’intenzione sarebbe stata quella di non farsi rivelare il colore dei fiori che sarebbero sbocciati, ma poi come una gnocca ho fatto notare alla ragazza dello stand che sul cartellino non c’era scritto e lei mi ha sorriso a mille denti esclamando gioiosamente ARANCIONE!
Solo una volta sull’autobus verso casa, con il mio lupino sulle ginocchia, ho notato che il cartellino era arancione e per capire di che colore sarebbero stati i fiori bastava guardare quello, e non cercare la scritta arancione – blu – rosa sul cartellino stesso. Ma quanto sono sveglia e perspicace? Molto poco, di recente, sigh.

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Le foglioline più bellerrime del mondo, quelle del mio lupino (e no, non è marijuana)

Sabato terzo round, sempre con la fedele Liny, assieme alla sua gemella Smarty e a Fay. Liny si è unita a me nel bissare la missione del giorno prima: nessuno lascia il Viale senza una piantina.
Siamo state bravissime, perché entrambe le nostre compari si sono lasciate convincere e hanno adottato due tulipani.
(Potete leggere il resoconto di Liny e Smarty sul loro blog).

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Secondo tentativo di inquadratura artistica e ricercata

Lunedì ultimo piccolo giretto e ultimo piccolo acquisto: d’altra parte come dire di no ai crochi scontati? Proprio non si può. Avevamo giusto un piccolo spazietto che avanzava vicino ai narcisi.
Benvenuta primavera!

Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Lunedì abbiamo ceduto alla tentazione e ne abbiamo comprati un paio
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Una lumachina decorativa non guasta mai
Trieste In Fiore 2015 © leeliah99.altervista.org
Per quanto mi riguarda, non ci sono mai abbastanza margherite

Cosa è successo prima:
Margherite nel Parco di San Giovanni a Trieste © leeliah99.altervista.org

Margherite anti cinismo

Cosa è successo dopo:
Pasqua al Parco San Giovanni © leeliah99.altervista.org

Pasqua tempestosa

_______

Questo post è stato letto 445 volte.
Puoi seguire il blog su Twitter e su Facebook.

6 Commenti

  1. Alla fine sei riuscita a prendere i crochi! Evviva!
    Ci siamo divertite un sacco e il prossimo anno un bonsai sarà miooo uahhh
    Intanto vediamo di riuscire a fare una buona macedonia con le piantine di fragoline che abbiamo scelto con cura ;)
    Fai i complimenti al folletto, le sue rose sono stupende!

    • Per il bonsai intanto puoi portarti avanti con la versione Bag End che abbiamo visto stamattina: stupenda! <3
      Passerò avanti i complimenti e a proposito di rose oggi la bora le ha parecchio spettinate.

    • E tra meno di un mese ritornano gli Horti Tergestini nel bellissimo Parco di San Giovanni… yuppieee!!!

  2. Effettivamente quelle foglie lì sembrano qualcos’altro… ;-) Ma quelli del mercatino ti danno una percentuale per tutti gli acquisti che gli hai fatto avere? :-)

Tu che ne pensi?