Crea sito

Si semini chi può

Altri post

Pasqua con il sole, Pasquetta con la pioggia.
Mi ero premunita di passare al vivaio per tempo ed accaparrarmi un saccone gigante di terra, cortesemente trasportato col carretto fino a casa dal babbo e poi strategicamente posizionato in modo da renderlo accessibile per i travasi che avevo in mente. Mia mamma aveva le rose da rinvasare e quella nuova ricevuta in regalo da coccolare, io ero pronta con le mie mille mila buste di semini da piantare, sperando in risultati soddisfacenti. Visto il successo dei nasturzi e della mia amata ipomea, ho dedicato a loro un vaso ciascuno, litigando un po’ con delle apette dispettose per nulla riconoscenti e perfidamente avide che non mi davano pace.

Al vivaio c’erano i meli ed i susini in fiore, ma ho resistito alla tentazione di mettermene due sottobraccio e uno in bilico sulla testa per portarmeli via. Facendo il giro largo apposta per passare davanti alla casetta che mi piace tanto, ho notato il cancelletto aperto e il proprietario che stava giusto scaricando pacconi di terra da un furgoncino. Lavori grossi in vista, vecchio mio? Eh, nel mio piccolo pure io sa, che ti credi, che mi scoraggio perché non ho il giardino? 😛 Intanto faccio pratica.

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
Le fogliolone dei nasturzi in primo piano, aspettando i fiori

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
Piantati a Pasqua altri semini di nasturzio: tra poco saranno così!

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
I ciclamini vegliano sui bulbetti nascenti

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
I muscari e il giacinto bianchi si godono quel poco di sole concesso in questi giorni, mentre la camelia ancora dorme

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
Questa piantina (Duranta Repens) l’ho comprata l’anno scorso e sembra ben intenzionata: speriamo fiorisca di nuovo

Terrazzo in primavera © leeliah99.altervista.org
Anche i fiorellini del trifoglio sono tanto bellini: tornerete questa primavera, vero?

Il giardinaggio pasquale mi ha salvata dal fare troppi pisolini sul divano e dal mangiare quantità ignobili di ovetti di cioccolata, ma nulla ha potuto per evitare che deturpassi l’unica Colomba che avevamo a disposizione, infierendo senza pudore sulla crosticina croccante superiore e lasciando nel sacchetto l’ammasso informe di impasto giallognolo totalmente privo di elementi attrattivi. Sono pessima, lo so. 😁

Anche oggi fuori è grigetto e umidiccio, e oltre a far bene finta di coltivare piantine sto alimentando il sacro fuoco di un’idea che mi ballonzola in testa come un saltapicchio in perfetto stile Chobin: carina e coccolosa, con molto potenziale, ma se non sta ferma un attimo è un’impresa acchiapparla e capire un po’ meglio che forma ha.
Nel frattempo covo la mia macchina fotografica pregustando i prossimi appuntamenti giardinerecci: ha riaperto l’Orto Botanico, a metà aprile ritornano gli Horti Tergestini nel Parco di San Giovanni e spero mi si aprano altre porte di orti e giardini segreti.

4 commenti

  1. Il tuo terrazzo è decisamente invitante! 😀 La mia pasqua invece è stata incentratissima su pisolini e cioccolato, ma posso dare la colpa al fatto che non ho un terrazzo dove fare giardinaggio, giusto??!! 😉

    • In effetti è accogliente, sì! 🙂 Non ti credere, gli ovetti li ho spazzolati quasi tutti alla fine, ops. 😛

  2. Ma che meraviglia questi tuoi fiori!
    Anche io tra l’altro ho una passione per l’ipomea e i nasturzi.
    Quando ero più giovane e mio padre si occupava del giardino avevo sempre una gran fretta di correre via a “vivere”, ora mi ritrovo a ripetere i suoi stessi gesti e mi sembra che il segreto del vivere sia tutto lì.
    Buona Primavera

    • Da giovane ero totalmente disinteressata a qualsiasi forma di vegetazione: si vede che con l’età diventiamo più sagge e certi segreti ci vengono finalmente svelati. 🙂

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento (mi spiace per il fastidio del reCAPTCHA, ma non si può togliere).

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Potrebbero interessartiNUOVI POST
altre storie da leggere

Pronti per il famigerato 2020?

Ultimo giorno dell'anno, ultima alba, ultimo tramonto. Il 2019, rispetto al suo predecessore, è stato ben più magnanimo: ad esempio, non mi sono fratturata nulla,...

Vuoi leggere altri post?
clicca qui per andare all'archivio