Crea sito

“InVasati, tutti pazzi per i fiori” all’Orto Botanico

La perseveranza viene premiata, prima o poi.
La mia ha vinto il jackpot ieri pomeriggio all’Orto Botanico in occasione di InVasati, quando sono finalmente riuscita non solo a partecipare al mercatino di giardinaggio e flowercrossing a cui facevo la tira dall’aprile 2012, ma anche a lasciare da parte per qualche ora le preoccupazioni legate ai miei problemi di salute e godermi una giornata con temperature quasi estive, più l’ottima compagnia.

All’Orto Botanico c’ero stata la prima -e unica- volta nel giugno di due anni fa, quando le ortensie erano nel pieno della fioritura, mentre stavolta ho potuto apprezzare le peonie giganti, sorridendo mentre le fotografavo perché una signora vicino a me continuava a chiamare a gran voce il marito urlandogli “vieni a vedere che grandi ‘ste rose!”.

Mi ha fatto piacere notare che tutte le persone presenti erano genuinamente di ottimo umore: cosa non fa la natura in una splendida giornata di sole, vero? Sono così abituata ai musi lunghi per strada o sul posto di lavoro che quasi non ci credevo a vedere quella sfilza di sorrisi e buongiorno qua buongiorno là.

InVasati, tutti pazzi per i fiori © leeliah99.altervista.org
InVasati, tutti pazzi per i fiori

InVasati, tutti pazzi per i fiori © leeliah99.altervista.org
InVasati, tutti pazzi per i fiori

Di bancarelle ce n’erano poche poche a dire il vero, ma il posto vale sempre una visita al di là del mercatino perché è davvero piacevole e rilassante, oltre che istruttivo. Ad esempio ho scoperto il nome di quelle bacchette rosse piccoline e lucide che fotografo spesso in giro, Nandina, e ho letto sul cartellino che oltre ad essere tanto carucce ed invitanti alla vista sono pure un filino tossiche. Su altri cartellini c’era proprio scritto mortale, tanto per evitare equivoci!

Seguendo l’esempio di Bilbo che raccoglie la ghiandina nel giardino di Beorn per portarsela a casa e piantarla, perché un giorno crescerà e diventerà una quercia e lui guardandola ricorderà il bello e il brutto della sua avventura, ne ho raccolta qualcuna anch’io, e pur nutrendo dei dubbi sul successo dell’operazione le metterò in terra comunque, poi sarà la natura a decidere il da farsi.

Il Giardino Formale dell'Orto Botanico © leeliah99.altervista.org
Il Giardino Formale dell’Orto Botanico

E ora ci si prepara per il prossimo fine settimana perché tornano gli attesissimi Horti Tergestini: ad accoglierli quest’anno, al posto delle rose che si stanno ancora preparando a sbocciare, un tripudio di tulipani variopinti in ogni angolo del parco.

Tulipani al Parco di San Giovanni © leeliah99.altervista.org
Tulipani al Parco di San Giovanni

7 commenti

  1. E si farò anche io come il saggio Bilbo, pianterò le 5 ghiandine raccolte all’Orto Botanico, io sono fiduciosa: le mie hanno ottenuto l’ok dal piccolo hobbit che ci ha fatto compagnia wink
    Grazie ancora per i bulbetti di muscari, molto molto apprezzati bigsmile

    • Il Piccolo Hobbit ne sa più dell’Uomo del Monte! wink
      Le mie ghiandine sono ancora in attesa di collocamento, per ora mi sento un po’ come Scrat de “L’Era Glaciale”.
      Spero che i muscari spuntino presto anche nel tuo giardino!

  2. penso..che il tuo blog è delicato come i fiori che fotografi e che “Invasati, tutti pazzi per i fiori” sia una bellissima occasione per visitare questo splendido orto botanico, se poi hai la fortuna di trovare Matteo che fa parte della Lipu e ti fa da guida nel parco, beh ancora meglio. Cari saluti, Nirvana

    • Che bel complimento, grazie!
      Ho avuto modo di avere Matteo Giraldi come guida durante uno degli appuntamenti della manifestazione Rose Libri Musica Vino nel Parco di San Giovanni, un altro posto splendido da visitare.
      Scusa se rispondo dopo quasi un mese, il tuo commento era finito per errore nella cartella spam e l’ho visto soltanto oggi.

    • Thank you, Victoria. smile Online translators are useful, but most of the times the results are more funny than accurate.

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento.

Scrivi il tuo commento qui
Scrivi il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Ally Leeliah

Trieste, IT

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni.
Benvenuti!

ALTRI POST

L’autunno, la mia stagione preferita (o quasi)

Ottobre, al suo arrivo, mi aveva messo un po' d'apprensione: non sarà che dalla torrida ed insopportabile estate si passerà direttamente al gelido e...

Il super potere della semplicità: passeggiate d’autunno

Pare che l'autunno, dopo essersi fatto tanto desiderare, sia già pronto a lasciarci. Secondo il meteo, giovedì sarà la giornata incriminata: esprimo tutto il mio...

Preludio d’autunno tra ville, castelli, foglie rosse e cigni reali

L'autunno, quando torna, è un anno che lo si aspetta: chi con malinconia perché segna la fine dell'estate, chi con sollievo... perché segna la fine...