Crea sito

Come Hiro Nakamura

Altri post

Non ho salvato il mondo né la cheerleader, ma oggi ho “sentito” il tempo, in un’anonima aula del comprensorio centrale dell’Università, durante un corso di formazione che mi vedeva partecipe, in prima fila, coi miei appunti, la mia bottiglietta di tisana, i miei occhiali da vista per decriptare quei puntini neri altrimenti indistinti che il proiettore sparava sulla parete di fronte.

Da uno dei finestroni posti a ridosso del soffitto è entrata all’improvviso più luce, anche se schermata dall’opacità del vetro e dalla sporcizia accumulata in anni di trascuratezza, mentre in contemporanea si avvicinava il trillo di un uccellino.
Ho percepito il calore, l’armonia, un inaspettato senso di appartenenza: ho capito di avere le capacità e soprattutto la forza per avvicinarmi a quello che desidero, come un normale ed annoiato impiegatino che dal suo cubicolo scopre di avere tra le mani il destino del mondo, ma prima ancora il proprio.

Trieste Università
Foto di Davide Caregari


Ally Leeliah

Scrivo della mia città, dei libri che leggo, dei film il cui finale mi delude, di blog e di piante, del mio parco preferito dove vado a passeggiare e fotografare o schiarirmi le idee, delle mie tribolazioni. Benvenuti!

Potrebbero interessartiNUOVI POST
altre storie da leggere

Pronti per il famigerato 2020?

Ultimo giorno dell'anno, ultima alba, ultimo tramonto. Il 2019, rispetto al suo predecessore, è stato ben più magnanimo: ad esempio, non mi sono fratturata nulla,...

Vuoi leggere altri post?
clicca qui per andare all'archivio